Copertura CIG Covid fino a fine anno

Si conferma ancora una volta al centro degli interventi normativi volti a limitare i danni economici derivanti dalla diffusione della pandemia da coronavirus, la possibilità di ricorrere ad ammortizzatori sociali in costanza di rapporto di lavoro con causale COVID-19.


E' riconosciuta infatti la concessione, con riferimento al periodo compreso tra il 1° ottobre e il 31 dicembre 2021, di ulteriori trattamenti di integrazione salariale ordinari e in deroga caratterizzati dalla predetta causale emergenziale.

In particolare, la norma in esame prevede la possibilità, in caso di sospensione dell’attività lavorativa per eventi riconducibili all’emergenza epidemiologica da COVID-19, di fruire delle prestazioni di assegno ordinario (ASO) e CIG in deroga per i datori di lavoro per una durata massima di 13 settimane, ovvero di cassa integrazione guadagni ordinaria (CIGO) per i datori di lavoro del settore tessile e dell’abbigliamento per una durata massima di 9 settimane.


Sul punto si precisa che i predetti interventi di integrazione salariale sono richiedibili dai datori di lavoro per i lavoratori in forza al 22 ottobre 2021, data di entrata in vigore del DL 146/2021.

Anche in questo caso, la disposizione del DL “fiscale” consente la fruizione delle predette prestazioni senza dover effettuare alcun versamento del contributo addizionale.

Invece, per i datori di lavoro che ricorrono ai predetti ammortizzatori sociali, trova applicazione il blocco dei licenziamenti economici (già più volte applicato nell’ambito della legislazione emergenziale), per la durata della fruizione del trattamento di integrazione salariale.


Un altro aspetto della disposizione contenuta nel DL 146/2021 riguarda alcuni requisiti di accesso collegati all’autorizzazione di periodi di integrazione salariale previsti da provvedimenti precedenti.

E' previsto che le 13 settimane di ASO e CIG in deroga vadano riconosciute ai datori di lavoro ai quali sia stato già interamente autorizzato il periodo di 28 settimane in precedenza previste dall’art. 8 comma 2 del DL 41/2021, decorso il periodo autorizzato, mentre le 9 settimane di CIGO siano riconosciute ai datori di lavoro settore tessile, decorso il periodo autorizzato ai sensi dell’art. 50-bis comma 2 del DL 73/2021.


Per quanto riguarda le modalità di richiesta dei trattamenti di integrazione salariale in questione, non risultano variazioni rispetto a quanto previsto dai precedenti provvedimenti collegati alla legislazione emergenziale. In pratica, le istanze di accesso dovranno essere inoltrate all’INPS, a pena di decadenza, entro la fine del mese successivo a quello in cui ha avuto inizio il periodo di sospensione o di riduzione dell’attività lavorativa.

In fase di prima applicazione, il predetto termine di decadenza è fissato entro la fine del mese successivo a quello di entrata in vigore del DL 146/2021, avvenuta il 22 ottobre 2021.

Rimane altresì possibile richiedere il pagamento diretto delle prestazioni da parte dell’INPS, ferma restando la possibilità di ricorrere all’anticipazione calcolato sul 40% delle ore autorizzate nell’intero periodo.

Nell’occasione il datore di lavoro è tenuto a inviare all’Istituto previdenziale tutti i dati necessari per il pagamento o per il saldo dell’integrazione salariale entro la fine del mese successivo a quello in cui è collocato il periodo di integrazione salariale, oppure, se posteriore, entro il termine di 30 giorni dall’adozione del provvedimento di concessione.


Sempre in sede di prima applicazione il decreto stabilisce che i termini di invio dei dati per il pagamento diretto siano spostati al trentesimo giorno successivo al 22 ottobre 2021.

Trascorsi inutilmente tali termini, il pagamento della prestazione e gli oneri ad essa connessi rimangono a carico del datore di lavoro inadempiente.

5 visualizzazioni0 commenti